trovare-lavoro-come-fare

Come trovare lavoro, fare un colloquio ed essere assunti

Trovare lavoro, consigli pratici e contatti lavorativi

Trovare Lavoro ti aiuta a trovare più facilmente lavoro, attraverso consigli e informazioni su come cercare lavoro al meglio e su come confrontarsi con i datori di lavoro o responsabili risorse umane che incontreremo, e come rispondere al meglio alle domande professionali che ci verranno fatte durante gli incontri.

Lavoro in Azieda
Lavoro da Casa

Lavorare in azienda

Consigli per trovare lavoro in azienda

Trovare lavoro in azienda: alcuni buoni consigli per incominciare

1.Il CV – Scrivere un buon Curriculum Vitae

In Italia in tempi di crisi la ricerca del lavoro richiede una grandissima dose di pazienza ed impegno. Come ogni buon libro spiega, il primo passo per trovare lavoro è la scrittura del curriculum vitae, corredato degli studi compiuti, di ogni significativa esperienza lavorativa e delle proprie competenze. Un sito personale contenente il portfolio ed il curriculum online sono solitamente ben accetti, specialmente per offerte di lavoro riguardanti posizioni creative.

Le aziende prestano molta attenzione al curriculum, in quanto esso costituisce un bigliettino da visita con il quale ti presenti. Un curriculum ben scritto e pertinente agli annunci pubblicati porterà sempre ad un colloquio. Studia, trova e crea nuove soluzioni per presentarti. Assicurati il massimo controllo sul contenuto del tuo CV e prediligi paragrafi brevi, chiari e coincisi, effettuando una scelta mirata in relazione alla posizione prescelta. Ad esempio, aver svolto uno periodo di volontariato all’estero per cinque anni come insegnante di asilo, molto probabilmente non ti aiuterà a trovare un impiego nel settore dell’informatica. Bisogna perciò porre l’accento sui propri punti di forza, esibire un curriculum efficace e di facile lettura ma mettersi in gioco in prima persona.

2. La candidatura – Inviare il CV alle aziende

Presentare la propria candidatura tramite posta elettronica e/o Internet è facile e veloce; tuttavia, può rivelarsi tempo perso poiché non bisogna dimenticare che gli imprenditori e i responsabili delle risorse umane sono persone ed il contatto diretto è sempre più vantaggioso. Ad ogni modo, possedere solo un buon curriculum non basta. Devi dimostrare di voler intraprendere la carriera molto seriamente, di essere una persona che conosce il mercato e di essere davvero adatto a ricoprire la posizione lavorativa desiderata. Un curriculum coerente e sincero provvisto di conoscenze, esperienze di formazione, certificazioni accademiche comprovabili dal colloquio con i selezionatori è sempre meglio di uno infarcito di corsi, lavori ed esperienze troppo lontane dalla realtà. Un altro consiglio utile riguarda la redazione della lettera di referenze, scritta da un precedente supervisore/formatore, dove verranno evidenziate le tue qualità come lavoratore oppure, in alternativa, la lettera di motivazione, dove bisogna cercare di illustrare bene cosa ti spinge a desiderare tanto quella determinata occupazione. Non citare lo stipendio, soldi ed altri aspetti materiali ma prova a scrivere perché vuoi proprio quel posto, su quali siti web o giornali hai trovato l’offerta di lavoro in questione, quando saresti pronto ad incominciare e perché pensi di avere tutte le carte in regola per fare del tuo meglio.

3. Le agenzie interinali – Farsi trovare lavoro

Talvolta ci si rivolge alle agenzie interinali per ricercare lavoro più facilmente e avviare la propria carriera o lavoro, oppure fare degli stage, in Italia sempre troppo poco pagati, ma che per lo meno permettono di continuare ad acquisire esperienza. Se l’esperienza con l’agenzia interinale termina e avete lavorato gratis, in quanto non siete stati ancora pagati, dovete assolutamente pretendere che vi sia consegnato quanto pattuito. Il candidato quando cerca lavoro tende a fidarsi facilmente. Tuttavia, aver trovato lavoro significa essere adeguatamente ricompensati: gli annunci sono da evitare quando volontariamente imprecisi nel descrivere le mansioni. Chi trova lavoro talvolta può essere sommerso da responsabilità che in teoria non gli competono. Conseguentemente, è quantomeno legittimo chiedere ulteriori informazioni.

4. Offerte di lavoro sul web – Come cercare e trovare lavoro online

Anche se l’economia soffre, le nuove tecnologie oggi offrono l’opportunità di effettuare la ricerca lavoro anche online. Oltre ai social network, dove viene privilegiato il contatto personale, esistono alcune specifiche piattaforme per trovare lavoro come freelance, come Upwork, Freelance, Elance e tante altre ancora. Provare non costa niente: basta fornire il proprio indirizzo email per registrarsi, riempire il CV e candidarsi per una delle offerte di lavoro attive. Questi portali offrono l’occasione di lavorare per clienti provenienti da ogni parte del mondo e sono l’ideale per chi lavora da casa e vuole firmare un contratto flessibile, senza rimanere costantemente alle dipendenze degli stessi datori di lavoro. I clienti di queste piattaforme, essendo dedicate principalmente a lavoratori altamente qualificati, tenderanno ad assumere chi è maggiormente esperto nel proprio campo, parla più lingue straniere, ha frequentato una scuola o un’istituzione superiore. Non scoraggiarti se ricevi qualche risposta negativa: questi portali generalmente consentono di inviare un gran numero di proposte allo stesso tempo. Devi costantemente monitorare la mail e farti trovare immediatamente disponibile, poiché i clienti solitamente hanno scadenze da rispettare nel breve o brevissimo termine. Gli sforzi che ti porteranno ad ottenere il primo lavoro saranno utili per cercare lavoro migliore e maggiormente retribuito. Quindi candidati e non scoraggiarti: la perseveranza conta molto in questi casi!

5. Ultimi Consigli

Assicurati sempre di presentare una domanda di lavoro priva di errori grammaticali, specialmente se compilata in una lingua straniera, e di dire solo ciò che è necessario, evitando il superfluo. I migliori candidati saltano alla vista perché un candidato ideale sa qual è il proprio obiettivo, non gliene frega niente del giudizio altrui e sanno bene cosa possono offrire. Devi essere consapevole del tuo valore e delle tue esperienze di vita, affiancando alle parole i fatti e menzionando i tuoi traguardi. Talvolta su queste piattaforme il lavoro cerca te. Esser stato individuato dal cliente è una circostanza molto fortunata e puoi quindi dimostrare quanto vali. Nel momento in cui si innesca un circolo positivo e il tuo ranking come lavoratore sale, trovare l’offerta giusta diventa facile e tutto funziona a meraviglia. Quando aggiorni il tuo CV, infine, non dimenticare di aggiungere le tue esperienze alla sezione “Work”: potrai ricevere email interessanti e troverai lavoro più frequentemente poiché avrai dimostrato serietà ed affidabilità.

Lavorare da casa (telelavoro)

Consigli per trovare lavoro da casa

Il telelavoro: lavorare da casa senza problemi e guadagnare grazie ad Internet

1. Come trovare lavoro online e lavorare da casa

Lavorare online è il nuovo obiettivo di ogni azienda che volga concretamente il suo sguardo al futuro. Il telelavoro – “tele” perché interamente svolto online e “lavoro” perché porta alla produzione di beni e servizi come nel caso di qualsiasi altra professione – è la soluzione ideale per chi cerca flessibilità, desidera controllare la gestione del tempo e ritagliare totalmente su misura del proprio stile di vita gli orari di lavoro. Negli ultimi anni le attività lavorative online hanno conosciuto un incredibile sviluppo e le opportunità di offrire le proprie competenze come professionista part time o a tempo pieno fioriscono grazie alla nascita di nuove community dedicate al lavoro freelance.

2. Siti web di telelavoro e strumenti utili

Chi cerca lavoro online deve registrarsi presso piattaforme dedicate, creare un proprio profilo, aver scritto il proprio CV in forma chiara e concisa per attirare nuove visite, pubblicare i propri indirizzi email e Skype per eventuali colloqui, inserire tutte le informazioni che possono essere utili ai potenziali clienti e incominciare a leggere le offerte di lavoro. Gli annunci solitamente appaiono sotto forma di post nella home, sono descritti in maniera più o meno semplice e contengono le attività da svolgere nonché altre indicazioni indispensabili. Ad esempio, un lavoro di content writing riguardante la redazione di articoli turistici sulla provincia di Asti, può essere svolto solo da un lavoratore di madrelingua italiana. Molti lavori, essendo relativi a competenze altamente qualificate, possono essere accessibili solo da profondi conoscitori del business in questione; altri, invece, richiedono soltanto requisiti informatici minimi (come una semplice trascrizione su file di Word) e sono ottimi per iniziare.

Le offerte eque descrivono un lavoro serio, specificando quali competenze e strumenti di lavoro sono necessari e un preciso range di guadagno. Una volta letti gli annunci, ogni professionista può proporre i tassi orari o i pagamenti complessivi desiderati: all’inizio è bene tenersi in linea con tariffe relativamente più basse (ma non troppo), in modo da guadagnare fiducia ed in seguito trovare lavoro più facilmente. Fare offerte troppo al ribasso vi squalifica ed accettare lavori “fregature” nuoce alla tua reputazione ed alla piattaforma. Tuttavia, essendo molti di questi lavori provenienti dall’estero, bisogna tenere a mente che potrete soffrire la concorrenza di lavoratori provenienti dai paesi più poveri del mondo, talvolta propensi ad raggiungere un accordo con il datore di lavoro per pochi euro. Le piattaforme migliori scoraggiano queste pratiche, ponendo come “bid” guadagni minimi. Non è facile accaparrarsi velocemente un lavoro, una volta iscritti: i membri delle piattaforme alle prime armi devono essere consapevoli dei rischi e delle truffe. Ciò nonostante, la piattaforma interviene sempre sui pagamenti in sospeso e sulle controversie, intervenendo efficacemente ed in difesa del professionista.

3. Le figure professionali ricercate per il telelavoro

Le mansioni richieste sono molteplici: fornire assistenza nella costruzione di un sito o di un blog; progettare il design di una guida o un depliant; realizzare un video o uno spot; scrivere un articolo di giornale o un ebook; gestire un ufficio virtuale; diventare collaboratori nell’ambito della ricerca accademica; promuovere la vendita di determinati prodotti; effettuare trascrizioni di rubriche, interviste, sottotitoli e lezioni universitarie e così via. In alcuni casi, il datore di lavoro può richiedere un contributo personale nella stesura del progetto e nel determinare i suoi obiettivi in base al budget disponibile, invitandovi a segnalare idee ed eventuali aspetti critici. Lavorare a distanza è semplice e possibile: basta essere forniti di domicilio, aprire una partita IVA se richiesto dal paese di residenza (in Italia solo nel caso il guadagno superi i 5.000 euro annui) ed avendo cura di adempiere agli obblighi fiscali di lavoratore indipendente quando necessario. I soldi guadagnati sono inoltre soggetti ad una minima tassazione da parte del portale e dei servizi di money-transfer on line.

4. Vantaggi e svantaggi del telelavoro

L’avviamento del telelavoro comporta vantaggi e svantaggi, totalmente diversi dal classico lavoro dipendente. Tra gli svantaggi del telelavoro è necessario precisare che: chi trova lavoro è soggetto a pagamenti maggiormente differenziati a causa della domanda internazionale; la minore stabilità può comportare più rischi finanziari; per chi comincia è talvolta scoraggiante ricevere molti rifiuti e sembra impossibile entrare nel circuito lavorativo; non esistono guide perfette per trovare lavoro online; la perseveranza e la pazienza giocano perciò un ruolo determinante. I vantaggi del telelavoro, invece, comportano la possibilità di: lavorare potenzialmente per più di un settore; collaborare alla redazione di contenuti d’ogni tipo (salute, sicurezza, moda, ecc.); ricevere feedback e consigli da una moltitudine di professionisti; avere l’opportunità di accumulare esperienze con clienti internazionali; azzerare i costi di trasporto legati al lavoro, senza muoversi da casa; creare facilmente una propria nicchia di mercato; arrotondare gli stipendi regolari con ottimi pagamenti extra accumulati grazie al telelavoro; guadagnare online con il telelavoro in modo sicuro, grazie alle attività di controllo svolte dalla piattaforma. Con il telelavoro, non arriva mai nessun pagamento per posta e la corrispondenza non richiede l’invio ed imbustamento casa-cliente di lettere, prodotti, CD o quant’altro. Il lavoro svolto, infatti, viene allegato e caricato online, costituendo prova schiacciante della prestazione compiuta.

5. Ultimi Consigli

Al termine di ogni prestazione lavorativa, inoltre, sia il lavoratore che il cliente sono tenuti a scrivere un commento e valutare la collaborazione appena svolta. In questo modo chi lavora guadagna affidabilità e posizioni in classifica senza nessun segreto, spiccando tra gli altri professionisti ed aumentando il numero di visitatori sul proprio profilo. Le possibilità di successo con il lavoro online offre sono molteplici: tuttavia, è bene saper promuovere nel miglior modo possibile che cosa si sa fare, poiché chi seleziona i freelance generalmente ha poco tempo a disposizione e predilige lavoratori che operino da soli e che non debbano essere istruiti da una sorta di “baby sitter” online. Il tipico leader del telelavoro è in grado di portare a termine un gran numero di commissioni simili tra di loro, piace per la sua estrema affidabilità, clicca solo sulle offerte che preferisce, ha un profilo molto visitato, cambia ed aggiorna costantemente il suo CV todo modo ed è sempre interessato a scoprire cose nuove del mondo.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *