cosa è la blockchain

Blockchain: cosa è e come funziona

L’elenco di record contiene diversi tipi di informazioni: transazioni (che contengono dati di fatti o di operazioni) e tracce di come le transazioni sono inserite in un database distribuito (che rappresentano blocchi effettivi).

Prima di tutto, va sottolineato che la blockchain comprende tutti coloro che appartengono a un particolare gruppo che usa bitcoin come metodo di pagamento per acquistare beni o servizi online. Per saperne di più

Si tratta quindi di una catena piuttosto lunga e di un gruppo composto da più persone, perché questo accade al momento della transizione con un bitcoin e la prima catena di blocchi risalente al 2009, l’anno in cui è stata materialmente realizzata, o piuttosto praticamente, perché è una valuta virtuale crittografata, il concetto di bitcoin.

Questo è un passaggio fondamentale troppo spesso sottovalutato, ma è di fondamentale importanza: solo chi è connesso al server ha il privilegio di entrare a far parte della blockchain in modo semplice e immediato.

La catena di blocchi è quindi piuttosto estesa e copre con successo molti utenti da tutto il mondo proprio perché questa valuta sta ottenendo un grande successo, anche sul suolo italiano, sebbene il periodo della sua fioritura sia diminuito da alcuni anni in favore di altri strumenti che possono essere definiti come simili.

Come ho detto prima, stiamo parlando di transazioni autorizzate da altri utenti della rete condivisa, creando e quindi creando blocchi e catene che consentono il blocco o l’autorizzazione della transazione stessa.

In generale, la prima mina che unisce un numero di transazioni importanti in un blocco e aggiunge questo blocco alla catena riceve come ricompensa la somma di tutte le commissioni per le transazioni in questione.

Il denaro viene trasferito tra i due portafogli Bitcoin e la transazione è protetta da una chiave privata, esempio la firma con cui sono firmate le transazioni, che garantisce che i fondi trasferiti siano effettivamente trasferiti dalla persona che ha effettuato la transazione e che nessuno cambi la transazione, rendendola sicura.

È in questo modo che questa caratteristica tipica della blockchain si inserisce nel contesto normativo, che prevede che le finalità specifiche per le quali i dati personali sono trattati devono essere definiti, inequivocabili e leciti e che i dati personali devono essere adeguati, pertinenti e limitato agli scopi per cui sono trattati.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *